indice del catalogo numismatica
Utente: ricordami
Parola d'ordine:
Registrati Regolamento Istruzioni
Stemma di Mantova
  ricerca avanzata

1328-1369 Luigi e Guido Gonzaga

<< 1150-1328 Periodo comunale 1369-1382 Ludovico I Gonzaga >>
Ritratto di Luigi e di Guido Gonzaga. Innsbruck, collezione del castello di Ambras.

Ritratto di Luigi e di Guido Gonzaga. Innsbruck, collezione del castello di Ambras.
Luigi Gonzaga (circa 1268-1360), capostipite dei signori di Mantova, fu la figura di primaria grandezza tra quelle che contraddistinsero le prime generazioni dei Gonzaga.

Salí al potere grazie a un colpo di mano attuato con l'aiuto degli scaligeri di Verona, che gli permise di spodestare Rinaldo Bonacolsi (detto Passerino) del quale era stato fino ad allora fido luogotenente. Una volta salito al potere ottenne il favore del popolo, che lo elesse Capitano Generale (Dominus Capitaneus), nonchè l'investitura di vicario imperiale da Ludovico IV il Bavaro.

La politica del primo Capitano del Popolo delineava già quella che sarebbe stata la tendenza di tutta la casata, ossia il cambio di alleanze con il vicino di volta in volta piú potente. Ecco cosí che il Gonzaga passò ad essere alleato di volta in volta con Venezia, con gli scaligeri di Verona e con i Visconti di Milano. Grazie a questa accorta politica il Gonzaga riuscí non solo a proteggere i propri confini, ma anche ad operare piccoli allargamenti territoriali.

Negli ultimi anni di vita Luigi lasciò probabilmente le redini del governo ai figli Guido, Filippino e Feltrino, nati dal primo matrimonio con Richeldina dei Ramberti (Luigi si sposò poi altre due volte, con Caterina Malatesta e Francesca Malaspina); il capostipite della lunga dinastia di signori di Mantova si spense il 18 gennaio 1360.

Guido Gonzaga (1290-1369), fu il secondo Capitano del Popolo, dal 1360 al 1369. Di lui non si ricordano particolari atti di governo nel periodo in cui fu nominalmente Capitano del Popolo; giunto al potere già anziano (70 anni), fu affiancato dai figli, col maggiore, Ugolino, che con ogni probabilità resse effettivamente le sorti del governo, almeno fino all'assassinio ad opera dei fratelli. L'attività di Guido fu quindi piú significativa negli anni precedenti quando capitano generale era il padre, che supportò nell'opera di governo assieme ai fratelli.

Guido si sposò tre volte, con Agnese Pico, Camilla Beccaria e Beatrice di Bar.

Morí il 22 settembre 1369, e gli successe il figlio superstite, Ludovico.

La monetazione dei primi due signori di Mantova viene geralmente catalogata in un'unica categoria; le monete, tutte anonime, non sono attribuibili con certezza all'uno a all'altro, anche se vari autori nel tempo hanno tentato un'attribuzione. Studi piú recenti tendono peraltro a retrodatare alcune tipologie alla signoria bonacolsiana.


Indice

Indice1328-1369 Luigi e Guido Gonzaga

Per Moneta

6 monete per 5 tipi: colpo d'occhio, riepilogo, ultime immagini, ultime modifiche, ultimi passaggi inseriti

Per Zecca

Mantova

Riferimenti

  1. BIGNOTTI LORENZO, La zecca di Mantova e Casale (Gonzaga), Grigoli 1984
  2. BELLESIA LORENZO, Il bussolotto mantovano ed i suoi omologhi in altre zecche, Panorama Numismatico nr.241 / Giugno 2009
  3. BELLESIA LORENZO, Le madonnine contromarcate di Mantova, Panorama Numismatico nr.148 / Gennaio 2001
  4. FEUARDENT FELIX, Jetons et mereaux depuis Louis IX jusqu'a la fin du consulat de Bonaparte, Rollin et Feuardent, 1904
  5. G. MARGINI-R. CASTAGNA, Monete mantovane dal XII al XIX secolo, B.A.M., 1990
  6. G. MARGINI-S. BAIOCCHI, Sfragistica mantovana/tessere-pesi monetari suggelli, decorazioni e piombi, Numismatica Grigoli 1985
  7. GIANAZZA LUCA, Inquadramento delle emissioni di grosso modulo in argento nei ducati di Mantova e Monferrato (1587-1626), Rivista Italiana di Numismatica 112, 2011
  8. GIANAZZA LUCA, La moneta in Monferrato tra Medioevo ed Età Moderna, Consiglio Regionale del Piemonte, 2009
  9. GIANAZZA LUCA, Le ultime fasi della zecca di Casale Monferrato (in Fine di una Dinastia, fine di uno Stato. La scomparsa dei Ducati di Mantova e di Monferrato dallo scacchiere europeo), 2010
  10. MAGNAGUTI ALESSANDRO, Ex Nummis Historia. Vol.VII. I Gonzaga nelle loro monete e nelle loro medaglie, Santamaria, 1957
  11. POEY D'AVANT FAUSTIN, Monnaies féodales de France, C. Rollin, 1858
  12. TRAINA MARIO, Gli assedi e le loro monete (speciale CN), 2000/2001
  13. VARESI ALBERTO, Monete Italiane Regionali - Lombardia zecche minori, Varesi, 2000
  14. VARESI ALBERTO, Monete Italiane Regionali - Piemonte, Sardegna, Liguria e isola di Corsica, Varesi, 1996
  15. VARI, I Gonzaga, Moneta, Arte, Storia, Electa, 1995
  16. VERONESI MARIO, Il quattrino di Federico II con l'impresa dell'Olimpo. Studio e aggiornamento sulle varianti conosciute, Panorama Numismatico nr. 290 / Dicembre 2013
  17. VARESI A., M.I.R. Monete Italiane Regionali- vol. I, Lombardia zecche minori, Varesi, 2000
  18. VARI, Corpvs Nvmmorvm Italicorvm vol. II-Piemonte e Sardegna, tranne le sedi dei Savoia già sul volume I, Tipografia R.A. dei Lincei, 1911
  19. VARI, Corpvs Nvmmorvm Italicorvm vol. IV-Lombardia zecche minori, Tipografia R.A. dei Lincei, 1913
  20. VARI, Monete e medaglie di Mantova e dei Gonzaga-la collezione della B.A.M., Electa 1996/2002

Ultima modifica: domenica 9 marzo 2014 alle ore 13:48, Paolino67
Powered by NumisWeb 7.7.1    Utenti online in tutti i cataloghi:
Ultimo utente iscritto khhhh, martedì 15 agosto 2017 alle ore 14:01

Il catalogo delle monete e medaglie di Mantova è una iniziativa del portale di numismatica lamoneta.it a cui tutti tutti possono contribuire.

Visitatori online:

Se hai apprezzato questo sito, lascia un messaggio nel nostro registro delle visite!

Pagina generata in 0.030 secondi, numero di query al DB: 32
Pagina proveniente da https://catalogo-mantova.lamoneta.it